intolleranti lattosio

BELLA LODI adatto agli intolleranti al lattosio

Mie care Makeuppine, ciao. Quest’oggi affronto con voi un argomento davvero delicato e antipatico: INTOLLERANZA AL LATTOSIO, ovvero l’incapacità del nostro organismo  di digerire il lattosio. Che cos’è il lattosio? Altro non è che lo zucchero naturale che troviamo nei latticini e nel latte.

L’intolleranza al lattosio comporta una carenza di lattasi, l’enzima che scinde il lattosio in zuccheri semplici, che vengono poi assorbiti dal tratto gastrointestinale. Non tutte le persone che hanno una carenza di lattasi sviluppano sintomi evidenti, ma quelli che li manifestano vengono definiti intolleranti al lattosio.

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: disturbo molto comune, come riconoscerla e quali sono i cibi da evitare

Essere intolleranti al lattosio non implica la vita, ma può causare molti fastidi, tipo diarrea, nausea, gonfiore addominale, flatulenza. La prima cosa da fare è senz’altro riconoscerla, con le dovute indagini  di laboratorio e conseguentemente capire cosa non mangiare. Sicuramente bisogna evitare il latte e i suoi derivati. Se leggete attentamente le etichette, vi rendereste conto che il latte, un pò come lo zucchero, lo si trova praticamente ovunque. E’ bene prestare particolare attenzione quindi a tutte le merendine, biscotti, insaccati, come la mortadella, salame, wurstel. Prodotti da forno. Cibi pronti. In commercio ci sono tanti alimenti che nascondono il lattosio come ingrediente, le zuppe e le creme, le patatine in busta, caramelle, snack, succhi di frutta. Insomma prestate molta attenzione all’etichette.

Chi è intollerante al lattosio può NON rinunciare a grana e parmigiano: BELLA LODI naturalmente privo di lattosio adatto agli intolleranti

In questo post vi ho presentato Bella Lodi, ricordate?! Il tipico formaggio lodigiano dalla crosta nera dal colore bianco e un profumo delizioso ed invitante. E’ inconfondibile il sapore delicato e mai troppo salato. La caratteristica primaria di questi formaggi è che sono prodotti senza lisozima, il che li rende prodotti ad alta digeribilità, ideali per bambini e anziani, anche agli intolleranti al lattosio.

intollerante al lattosio: bella lodi

Grazie all’accurata selezione dei fermenti lattici utilizzati nella sua produzione, durante il processo di fermentazione e stagionatura, il lattosio presente viene trasformato in acido lattico ad opera degli stessi fermenti. Questo processo fondamentale e totalmente naturale fa si che le analisi confermino la quantità di lattosio nel formaggio Bella Lodi al di sotto del limite di rilevabilità analitico (< 0,01g/100g). La grana di Bella Lodi è sinonimo di genuinità. Proprio per questa fama e per le sue caratteristiche nutrizionali, Bella Lodi è riconosciuto come alimento ad alta digeribilità, adatto a tutti e particolarmente indicato nell’alimentazione di bambini e persone anziane.

BELLA LODI LODIGRANA: Tutto il sapore del grana

Sono stata molto felice di poter riprovare i prodotti Bella Lodi e stavolta ho realizzato un piatto tipicamente napoletano, ovvero gli gnocchi alla sorrentina. Ho preparato un sughetto al pomodoro molto semplice, leggero e gustoso. Ho lessato gli gnocchi. Ho scelto quelli solo acqua e farina, più buoni a mio avviso. Ho unito gli gnocchi con la salsa, ho aggiunto dei pezzettini di mozzarella e ho mescolato il tutto. Dopo di che ho posizionato gli gnocchi nei pignatielli di terracotta, versato sopra un altro pò di salsa e ho ricoperto con abbondante grattugiato fresco sopra. E ho posizionato il tutto nel forno. Per una prelibatezza da leccarsi i baffi.

intollerante al lattosio: gnocchetti alla sorrentina con parmiggiano fresco bella lodi

Questo piatto è indicato tranquillamente a chi è intollerante al lattosio, in quanto la mozzarella che ho utilizzato  è  senza lattosio.  Qualora non avesse ancora provati i prodotti Bella Lodi, li trovate nella grande distribuzione. Prodotti sani, gustosi. Fatemi sapere cosa ne pensate….

WWW.BELLALODI.IT

  • Francesca Romana Sepe (26 aprile 2017)

    Ciao Francesco,
    grazie per aver commentato il mio post. Se presti attenzione alla lettura del post dove dico: ” sono stata ben felice di riprovare i prodotti Bella Lodi…” si capisce che li ho ricevuti in omaggio. Ma Bella Lodi non mi ha inviato i suoi prodotti ne per parlarne bene, ne per parlarne male, ma per esprimere la mia onesta opinione e pare che dal post si evinca, no?!

  • francesco (26 aprile 2017)

    secondo me se un post ha un contenuto pubblicitario, dovrebbe quanto meno dichiararlo alla fine o meglio all’inizio. in usa i blogger lo sanno e lo fanno sempre, per rispetto verso i lettori, attenzione non dico che non si debba fare post pubblicitari, anzi, il blogger è diventato un anello fondamentale nella comunicazione aziendale. per giunta, è un lavoro faticoso e deve essere remunerato. però non si deve aver paura di dire che “bella lodi mi ha pagato per fare questo post, dove ho espresso comunque opinioni positive (o negative) senza farmi influenzare da nessuno”. credo ne guadagneresti in rispetto da parte di tutti noi lettori…

  • Angela (24 aprile 2017)

    qualcosa per me…

  • Enrica (5 aprile 2017)

    sono davvero degli ottimi consigli per chi purtroppo soffre di questa fastidiosa intolleranza!

    blog: http://www.fashi0n-m0de.blogspot.it

  • Carmen Cotugno (4 aprile 2017)

    ottimi consigli 🙂
    baci

Lascia un commento. Curiosa di sapere cosa ne pensi...

You Might Also Like

Here you can find the related articles with the post you have recently read.